framura_itmangiaborghi_head

La Mangiaborghi

La MangiaBorghi è, a nostro avviso, l’escursione enogastronomica meglio riuscita del circondario! Grandissimo merito del fascino di questa passeggiata va al paese di Framura e alla sua conformazione che si presta naturalmente a questa iniziativa grazie agli scorci incredibili che offre e grazie al percorso fatto di creuze che serpenteggiano fino a valle strette tra antichi palazzi e orti immersi nella natura. Il merito per avere coordinato più di 60 volontari, avere faticato nel trasportare lungo il territorio cibo e vino per più di 800 persone, avere cucinato al meglio molti piatti tipici usando prodotti del territorio e essere riusciti a farli anche buonissimi è tutto dei Framuresi e del loro ufficio turistico (FramuraTurismo) che ogni anno lavora per settimane all’organizzazione di questo evento. Bravi, questa è vera promozione del territorio e dei suoi frutti!

Ho bisogno di conoscere la storia di un alimento. Devo sapere da dove viene. Devo immaginarmi le mani che hanno coltivato, lavorato e cotto ciò che mangio.

Carlo Petrini – Slow Food

Siamo partiti dalla frazione di Costa con una vera propria apertura dei cancelli (foto 1)! Prima tappa lo stand della sangria (foto2) per rinfrescarsi ancor prima di avere fatto 10 passi, siamo poi scesi lungo la scalinata (foto3) che portava alle bruschette dove c’era l’unico stand senza vino, a meno che non ci sia sfuggita la damigiana dal quale lo distribuivano ma la cosa è decisamente improbabile. Dopo le ottime bruschette (foto4) siamo scesi ancora e abbiamo raggiunto la frazione di Setta dove abbiamo trovato almeno 3 pentoloni giganti messi a raffreddare: il miglior minestrone del mese (foto5) buonissimo e servito come faceva mia nonna ovvero tiepido (foto6)! Siamo andati sempre avanti nella discesa fino ad arrivare alla piazzetta della frazione di Casella, bellissima location dove distribuivano piatti di trofie al pesto (foto7) che non hanno bisogno di commenti. Proseguendo siamo arrivati allo stand della cima (foto8), buonissima anche quella e accompagnata da un ottimo vino che andava giù che era un piacere (foto9). Subito dopo la cima siamo arrivati alla frazione di Anzo dove veniva servito il polpo con patate a ritmo di musica (foto10), i volontari qua avevano installato praticamente un sound system. Dopo Anzo iniziava lo smaltimento: una lunga scalinata in salita fino alla frazione di Ravecca (foto11). In cima alla scalinata abbiamo trovato lo stand degli sgabei, buonissimi e impastati al momento (foto12). Nell’unica creuza che attraversa Ravecca, subito fuori da una cantina (foto13) c’era invece lo stand dei formaggi di Varese serviti insieme a qualche goccia del miele di Framura. Sarò ripetitivo ma anche questi erano buonissimi! Ancora l’ultima salita e siamo ritornati a Setta dove ci aspettavano i dolci (foto14) e il Dj Set che dove vuoi metterlo se non a Set-ta (foto15) ? Da qui il Sindaco in persona, alla guida del Degusti-bus, ci ha raccattati e riportati a Costa alla macchina.
Tutto questo dispiegamento di forze, cibo e vino ci è costato una cifra più che ragionevole, non vediamo davvero l’ora di rifarla! Di nuovo bravi!

percorso

mappamangiaborghi

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
CONTATTACI

Vuoi entrare a far parte del network Costa de Onde? Inviaci una mail e ti manderemo tutte le informazioni di cui hai bisogno!

Not readable? Change text. captcha txt